Aree tematiche

  • sabato 19 settembre
  • da sabato 19 a domenica 27 settembre 2020 - Parco di Villa Toeplitz  - Sant'Ambrogio, Via G.B. Vico n. 46

    Alberi 3.0

    sabato 19, domenica 20, sabato 26 e domenica 27 settembre: dalle 10.00 alle 18.00
    da lunedì 21 a venerdì 25 settembre: dalle 12.00 alle 20.00
    Format performativo digitale itinerante negli spazi verdi, ideato e costruito site-specific per il Festival del Paesaggio negli spazi naturali di Villa Toeplitz

    Evoluzione di Alberi Maestri, Alberi 3.0 è un format performativo digitale itinerante negli spazi verdi.

    La proposta sviluppa, in forma inedita e completamente site-specific, un viaggio sonoro immersivo nel paesaggio. Spunti poetici, narrazioni, suoni e musica accompagnano il pubblico in una passeggiata poetica, un attraversamento sensibile dei luoghi, offrendo momenti suggestivi di forte intimità tra lo spettatore e gli elementi naturali e antropici che lo circondano, e permettendo di riscoprire la bellezza nascosta in ciò che ci circonda e che, insieme a noi, ascolta e respira.
    Il format è totalmente automatizzato: attraverso il proprio smartphone (o altro device digitale) dotato di connessione internet, QR scanner e auricolari, lo spettatore potrà vivere l’esperienza in piena autonomia e in solitudine, seppur al fianco di tutti coloro con i quali vorrà condividere l’esperienza. È previsto anche l’ausilio di una mappa, digitale e cartacea, del percorso.

    Crediti

    Composizione nello spazio: Michele Losi
    Drammaturgia: Sofia Bolognini, Michele Losi
    Suoni: Luca Maria Baldini, Diego Dioguardi
    Produzione: Pleiadi, Campsirago Residenza in collaborazione con Bepart
    Note tecniche
    Durata: 60 min. circa

  • sabato 19 e domenica 20 settembre 2020 - Giardini Estensi  - Centro città, Via Sacco n. 5

    Alberi Maestri

    Tre repliche: ore 10.00, 14.30, 17.00

    Ritrovo 15 minuti prima dell’orario indicato
    Giardini Estensi – ingresso di Via Sacco, 5

    Durata: 90 min. circa

    Prenotazione obbligatoria a partire dalle ore 10.00 di sabato 12 settembre esclusivamente online. Per prenotare clicca qui.

    Numero massimo di partecipanti: 90

    Spettacolo adatto ai bambini (dai 6 anni)

    Alberi Maestri è una performance itinerante ed esperienziale alla scoperta del mondo degli alberi e delle piante, principio e metafora della vita. Un cammino d’incontro con il mondo vegetale, con la sua stupefacente esistenza, la sua intelligenza e la sua incredibile capacità di analizzare e risolvere situazioni complesse, di agire in rete, di affrontare traumi e aggressioni. Guidato da un performer, il pubblico vivrà un’intensa esperienza sonora, poetica e visiva attraverso un percorso che lo condurrà verso una consapevolezza empatica ed emozionale della straordinaria comunità delle piante e degli alberi, gli esseri viventi più antichi del pianeta che, come grandi giganti, assistono al passaggio delle generazioni, alla precessione degli equinozi, alle ere glaciali, così come al movimento di un piccolo insetto sulla loro corteccia. Un viaggio, collettivo e individuale al tempo stesso, attraverso la soglia in cui si incontrano l’universo umano e quello arboreo.

    In Alberi Maestri parola, suono, cammino, attraversamento, installazioni e contatto si fondono in un percorso sensoriale che passa attraverso “quadri” dislocati lungo il cammino. Il pubblico, dotato di cuffie, seguirà delle guide in un percorso che lo condurrà progressivamente fuori dal contesto urbano in cui è abituato a vivere, passando per zone dove diversi livelli di compresenza tra uomini e piante sono possibili, fino a raggiungere luoghi reali e ideali in cui la natura si è ripresa il suo spazio.

    Crediti

    Composizione nello spazio: Michele Losi
    Drammaturgia: Sofia Bolognini, Michele Losi
    Coreografie: Silvia Girardi
    Costumi e scene: Stefania Coretti
    Suoni: Luca Maria Baldini, Diego Dioguardi
    In scena: Liliana Benini, Sofia Bolognini, Noemi Bresciani, Arianna Losi, Michele Losi
    Produzione: Pleiadi, Campsirago Residenza in collaborazione con The International Academy for Natural Arts (NL)

  • domenica 20 settembre
  • da sabato 19 a domenica 27 settembre 2020 - Parco di Villa Toeplitz  - Sant'Ambrogio, Via G.B. Vico n. 46

    Alberi 3.0

    sabato 19, domenica 20, sabato 26 e domenica 27 settembre: dalle 10.00 alle 18.00
    da lunedì 21 a venerdì 25 settembre: dalle 12.00 alle 20.00
    Format performativo digitale itinerante negli spazi verdi, ideato e costruito site-specific per il Festival del Paesaggio negli spazi naturali di Villa Toeplitz

    Evoluzione di Alberi Maestri, Alberi 3.0 è un format performativo digitale itinerante negli spazi verdi.

    La proposta sviluppa, in forma inedita e completamente site-specific, un viaggio sonoro immersivo nel paesaggio. Spunti poetici, narrazioni, suoni e musica accompagnano il pubblico in una passeggiata poetica, un attraversamento sensibile dei luoghi, offrendo momenti suggestivi di forte intimità tra lo spettatore e gli elementi naturali e antropici che lo circondano, e permettendo di riscoprire la bellezza nascosta in ciò che ci circonda e che, insieme a noi, ascolta e respira.
    Il format è totalmente automatizzato: attraverso il proprio smartphone (o altro device digitale) dotato di connessione internet, QR scanner e auricolari, lo spettatore potrà vivere l’esperienza in piena autonomia e in solitudine, seppur al fianco di tutti coloro con i quali vorrà condividere l’esperienza. È previsto anche l’ausilio di una mappa, digitale e cartacea, del percorso.

    Crediti

    Composizione nello spazio: Michele Losi
    Drammaturgia: Sofia Bolognini, Michele Losi
    Suoni: Luca Maria Baldini, Diego Dioguardi
    Produzione: Pleiadi, Campsirago Residenza in collaborazione con Bepart
    Note tecniche
    Durata: 60 min. circa

  • sabato 19 e domenica 20 settembre 2020 - Giardini Estensi  - Centro città, Via Sacco n. 5

    Alberi Maestri

    Tre repliche: ore 10.00, 14.30, 17.00

    Ritrovo 15 minuti prima dell’orario indicato
    Giardini Estensi – ingresso di Via Sacco, 5

    Durata: 90 min. circa

    Prenotazione obbligatoria a partire dalle ore 10.00 di sabato 12 settembre esclusivamente online. Per prenotare clicca qui.

    Numero massimo di partecipanti: 90

    Spettacolo adatto ai bambini (dai 6 anni)

    Alberi Maestri è una performance itinerante ed esperienziale alla scoperta del mondo degli alberi e delle piante, principio e metafora della vita. Un cammino d’incontro con il mondo vegetale, con la sua stupefacente esistenza, la sua intelligenza e la sua incredibile capacità di analizzare e risolvere situazioni complesse, di agire in rete, di affrontare traumi e aggressioni. Guidato da un performer, il pubblico vivrà un’intensa esperienza sonora, poetica e visiva attraverso un percorso che lo condurrà verso una consapevolezza empatica ed emozionale della straordinaria comunità delle piante e degli alberi, gli esseri viventi più antichi del pianeta che, come grandi giganti, assistono al passaggio delle generazioni, alla precessione degli equinozi, alle ere glaciali, così come al movimento di un piccolo insetto sulla loro corteccia. Un viaggio, collettivo e individuale al tempo stesso, attraverso la soglia in cui si incontrano l’universo umano e quello arboreo.

    In Alberi Maestri parola, suono, cammino, attraversamento, installazioni e contatto si fondono in un percorso sensoriale che passa attraverso “quadri” dislocati lungo il cammino. Il pubblico, dotato di cuffie, seguirà delle guide in un percorso che lo condurrà progressivamente fuori dal contesto urbano in cui è abituato a vivere, passando per zone dove diversi livelli di compresenza tra uomini e piante sono possibili, fino a raggiungere luoghi reali e ideali in cui la natura si è ripresa il suo spazio.

    Crediti

    Composizione nello spazio: Michele Losi
    Drammaturgia: Sofia Bolognini, Michele Losi
    Coreografie: Silvia Girardi
    Costumi e scene: Stefania Coretti
    Suoni: Luca Maria Baldini, Diego Dioguardi
    In scena: Liliana Benini, Sofia Bolognini, Noemi Bresciani, Arianna Losi, Michele Losi
    Produzione: Pleiadi, Campsirago Residenza in collaborazione con The International Academy for Natural Arts (NL)

  • 17:00 - Parco di Villa Baragiola  - Masnago, Via Caracciolo n. 46

    HABITAT_SCENARI POSSIBILI

    RESIDENZA D'ARTISTA

    da domenica 20 a sabato 26 settembre 2020

    Parco di Villa Baragiola
    in prossimità della Dacia
    Via Caracciolo, 46
    *in caso di maltempo Spazio Multifunzionale di Villa Baragiola piano terra

    NATURE URBANE 2020 apre una collaborazione con Habitat_Scenari Possibili, un progetto nato nel 2014 nella zona della Martesana che porta le arti contemporanee nei luoghi pubblici, nei parchi, nelle piazze e lungo i corsi d’acqua.
    Il festival offre un periodo di residenza di una settimana a un’artista visuale per la realizzazione di un’opera d’arte pubblica site-specific da produrre e installare all’interno del parco di Villa Baragiola.

    L’artista, scelta tramite bando di concorso nazionale da una commissione che ha coinvolto anche soggetti del territorio, è Livia Paola Di Chiara.
    Dal 21 al 25 settembre il pubblico può assistere al processo di creazione dell’artista, offrire spunti e suggestioni, e rendersi simbolicamente protagonista dell’atto trasformativo, facendo dell’arte visuale un’occasione di incontro, riflessione e presa di coscienza del valore dei luoghi.
    Alla fine della manifestazione l’opera d’arte diventerà patrimonio comune della città.

     

    PROGRAMMA

    domenica 20 settembre, ore 17.00
    PRESENTAZIONE DEL PROGETTO

    da lunedì 21 a venerdì 25 settembre, dalle 10.00 alle 18.00
    LAVORI

    sabato 26 settembre, ore 17.00
    INAUGURAZIONE DELL’OPERA

    Elementi che si lasciano trasportare dal vento per attecchire nel parco di Villa Baragiola. Sono semi di un tarassaco che, allontanatosi dalla pianta madre, viaggiano nello spazio e nel tempo, propagando una visione del moto perpetuo del flusso vitale, pur nella loro natura effimera.

    Alludono a un principio di speranza, in cui la vita continua imperterrita ad accadere. E riportano anche a un gioco di dicotomie in cui contrapporre il movimento, a cui è tendenzialmente predisposto il mondo animale, all’adattamento a cui è incline il mondo vegetale.

    Il lavoro è pensato per dislocarsi in alcuni spazi del parco, con l’idea di creare un progetto diffuso, non sempre distinguibile nella sua interezza e che piuttosto lascia percepire al visitatore la sensazione di essere sempre all’interno dell’opera.

    Il progetto di curatela è affidato all’Associazione Culturale ILINX, che da anni sviluppa, organizza e gestisce il progetto Habitat_Scenari Possibili, in collaborazione con Regione Lombardia.

  • lunedì 21 settembre
  • 10:00 - Parco di Villa Baragiola  - Masnago, Via Caracciolo n. 46

    HABITAT_SCENARI POSSIBILI

    RESIDENZA D'ARTISTA

    da domenica 20 a sabato 26 settembre 2020

    Parco di Villa Baragiola
    in prossimità della Dacia
    Via Caracciolo, 46
    *in caso di maltempo Spazio Multifunzionale di Villa Baragiola piano terra

    NATURE URBANE 2020 apre una collaborazione con Habitat_Scenari Possibili, un progetto nato nel 2014 nella zona della Martesana che porta le arti contemporanee nei luoghi pubblici, nei parchi, nelle piazze e lungo i corsi d’acqua.
    Il festival offre un periodo di residenza di una settimana a un’artista visuale per la realizzazione di un’opera d’arte pubblica site-specific da produrre e installare all’interno del parco di Villa Baragiola.

    L’artista, scelta tramite bando di concorso nazionale da una commissione che ha coinvolto anche soggetti del territorio, è Livia Paola Di Chiara.
    Dal 21 al 25 settembre il pubblico può assistere al processo di creazione dell’artista, offrire spunti e suggestioni, e rendersi simbolicamente protagonista dell’atto trasformativo, facendo dell’arte visuale un’occasione di incontro, riflessione e presa di coscienza del valore dei luoghi.
    Alla fine della manifestazione l’opera d’arte diventerà patrimonio comune della città.

     

    PROGRAMMA

    domenica 20 settembre, ore 17.00
    PRESENTAZIONE DEL PROGETTO

    da lunedì 21 a venerdì 25 settembre, dalle 10.00 alle 18.00
    LAVORI

    sabato 26 settembre, ore 17.00
    INAUGURAZIONE DELL’OPERA

    Elementi che si lasciano trasportare dal vento per attecchire nel parco di Villa Baragiola. Sono semi di un tarassaco che, allontanatosi dalla pianta madre, viaggiano nello spazio e nel tempo, propagando una visione del moto perpetuo del flusso vitale, pur nella loro natura effimera.

    Alludono a un principio di speranza, in cui la vita continua imperterrita ad accadere. E riportano anche a un gioco di dicotomie in cui contrapporre il movimento, a cui è tendenzialmente predisposto il mondo animale, all’adattamento a cui è incline il mondo vegetale.

    Il lavoro è pensato per dislocarsi in alcuni spazi del parco, con l’idea di creare un progetto diffuso, non sempre distinguibile nella sua interezza e che piuttosto lascia percepire al visitatore la sensazione di essere sempre all’interno dell’opera.

    Il progetto di curatela è affidato all’Associazione Culturale ILINX, che da anni sviluppa, organizza e gestisce il progetto Habitat_Scenari Possibili, in collaborazione con Regione Lombardia.

  • da sabato 19 a domenica 27 settembre 2020 - Parco di Villa Toeplitz  - Sant'Ambrogio, Via G.B. Vico n. 46

    Alberi 3.0

    sabato 19, domenica 20, sabato 26 e domenica 27 settembre: dalle 10.00 alle 18.00
    da lunedì 21 a venerdì 25 settembre: dalle 12.00 alle 20.00
    Format performativo digitale itinerante negli spazi verdi, ideato e costruito site-specific per il Festival del Paesaggio negli spazi naturali di Villa Toeplitz

    Evoluzione di Alberi Maestri, Alberi 3.0 è un format performativo digitale itinerante negli spazi verdi.

    La proposta sviluppa, in forma inedita e completamente site-specific, un viaggio sonoro immersivo nel paesaggio. Spunti poetici, narrazioni, suoni e musica accompagnano il pubblico in una passeggiata poetica, un attraversamento sensibile dei luoghi, offrendo momenti suggestivi di forte intimità tra lo spettatore e gli elementi naturali e antropici che lo circondano, e permettendo di riscoprire la bellezza nascosta in ciò che ci circonda e che, insieme a noi, ascolta e respira.
    Il format è totalmente automatizzato: attraverso il proprio smartphone (o altro device digitale) dotato di connessione internet, QR scanner e auricolari, lo spettatore potrà vivere l’esperienza in piena autonomia e in solitudine, seppur al fianco di tutti coloro con i quali vorrà condividere l’esperienza. È previsto anche l’ausilio di una mappa, digitale e cartacea, del percorso.

    Crediti

    Composizione nello spazio: Michele Losi
    Drammaturgia: Sofia Bolognini, Michele Losi
    Suoni: Luca Maria Baldini, Diego Dioguardi
    Produzione: Pleiadi, Campsirago Residenza in collaborazione con Bepart
    Note tecniche
    Durata: 60 min. circa

  • martedì 22 settembre
  • 10:00 - Parco di Villa Baragiola  - Masnago, Via Caracciolo n. 46

    HABITAT_SCENARI POSSIBILI

    RESIDENZA D'ARTISTA

    da domenica 20 a sabato 26 settembre 2020

    Parco di Villa Baragiola
    in prossimità della Dacia
    Via Caracciolo, 46
    *in caso di maltempo Spazio Multifunzionale di Villa Baragiola piano terra

    NATURE URBANE 2020 apre una collaborazione con Habitat_Scenari Possibili, un progetto nato nel 2014 nella zona della Martesana che porta le arti contemporanee nei luoghi pubblici, nei parchi, nelle piazze e lungo i corsi d’acqua.
    Il festival offre un periodo di residenza di una settimana a un’artista visuale per la realizzazione di un’opera d’arte pubblica site-specific da produrre e installare all’interno del parco di Villa Baragiola.

    L’artista, scelta tramite bando di concorso nazionale da una commissione che ha coinvolto anche soggetti del territorio, è Livia Paola Di Chiara.
    Dal 21 al 25 settembre il pubblico può assistere al processo di creazione dell’artista, offrire spunti e suggestioni, e rendersi simbolicamente protagonista dell’atto trasformativo, facendo dell’arte visuale un’occasione di incontro, riflessione e presa di coscienza del valore dei luoghi.
    Alla fine della manifestazione l’opera d’arte diventerà patrimonio comune della città.

     

    PROGRAMMA

    domenica 20 settembre, ore 17.00
    PRESENTAZIONE DEL PROGETTO

    da lunedì 21 a venerdì 25 settembre, dalle 10.00 alle 18.00
    LAVORI

    sabato 26 settembre, ore 17.00
    INAUGURAZIONE DELL’OPERA

    Elementi che si lasciano trasportare dal vento per attecchire nel parco di Villa Baragiola. Sono semi di un tarassaco che, allontanatosi dalla pianta madre, viaggiano nello spazio e nel tempo, propagando una visione del moto perpetuo del flusso vitale, pur nella loro natura effimera.

    Alludono a un principio di speranza, in cui la vita continua imperterrita ad accadere. E riportano anche a un gioco di dicotomie in cui contrapporre il movimento, a cui è tendenzialmente predisposto il mondo animale, all’adattamento a cui è incline il mondo vegetale.

    Il lavoro è pensato per dislocarsi in alcuni spazi del parco, con l’idea di creare un progetto diffuso, non sempre distinguibile nella sua interezza e che piuttosto lascia percepire al visitatore la sensazione di essere sempre all’interno dell’opera.

    Il progetto di curatela è affidato all’Associazione Culturale ILINX, che da anni sviluppa, organizza e gestisce il progetto Habitat_Scenari Possibili, in collaborazione con Regione Lombardia.

  • da sabato 19 a domenica 27 settembre 2020 - Parco di Villa Toeplitz  - Sant'Ambrogio, Via G.B. Vico n. 46

    Alberi 3.0

    sabato 19, domenica 20, sabato 26 e domenica 27 settembre: dalle 10.00 alle 18.00
    da lunedì 21 a venerdì 25 settembre: dalle 12.00 alle 20.00
    Format performativo digitale itinerante negli spazi verdi, ideato e costruito site-specific per il Festival del Paesaggio negli spazi naturali di Villa Toeplitz

    Evoluzione di Alberi Maestri, Alberi 3.0 è un format performativo digitale itinerante negli spazi verdi.

    La proposta sviluppa, in forma inedita e completamente site-specific, un viaggio sonoro immersivo nel paesaggio. Spunti poetici, narrazioni, suoni e musica accompagnano il pubblico in una passeggiata poetica, un attraversamento sensibile dei luoghi, offrendo momenti suggestivi di forte intimità tra lo spettatore e gli elementi naturali e antropici che lo circondano, e permettendo di riscoprire la bellezza nascosta in ciò che ci circonda e che, insieme a noi, ascolta e respira.
    Il format è totalmente automatizzato: attraverso il proprio smartphone (o altro device digitale) dotato di connessione internet, QR scanner e auricolari, lo spettatore potrà vivere l’esperienza in piena autonomia e in solitudine, seppur al fianco di tutti coloro con i quali vorrà condividere l’esperienza. È previsto anche l’ausilio di una mappa, digitale e cartacea, del percorso.

    Crediti

    Composizione nello spazio: Michele Losi
    Drammaturgia: Sofia Bolognini, Michele Losi
    Suoni: Luca Maria Baldini, Diego Dioguardi
    Produzione: Pleiadi, Campsirago Residenza in collaborazione con Bepart
    Note tecniche
    Durata: 60 min. circa

  • mercoledì 23 settembre
  • 10:00 - Parco di Villa Baragiola  - Masnago, Via Caracciolo n. 46

    HABITAT_SCENARI POSSIBILI

    RESIDENZA D'ARTISTA

    da domenica 20 a sabato 26 settembre 2020

    Parco di Villa Baragiola
    in prossimità della Dacia
    Via Caracciolo, 46
    *in caso di maltempo Spazio Multifunzionale di Villa Baragiola piano terra

    NATURE URBANE 2020 apre una collaborazione con Habitat_Scenari Possibili, un progetto nato nel 2014 nella zona della Martesana che porta le arti contemporanee nei luoghi pubblici, nei parchi, nelle piazze e lungo i corsi d’acqua.
    Il festival offre un periodo di residenza di una settimana a un’artista visuale per la realizzazione di un’opera d’arte pubblica site-specific da produrre e installare all’interno del parco di Villa Baragiola.

    L’artista, scelta tramite bando di concorso nazionale da una commissione che ha coinvolto anche soggetti del territorio, è Livia Paola Di Chiara.
    Dal 21 al 25 settembre il pubblico può assistere al processo di creazione dell’artista, offrire spunti e suggestioni, e rendersi simbolicamente protagonista dell’atto trasformativo, facendo dell’arte visuale un’occasione di incontro, riflessione e presa di coscienza del valore dei luoghi.
    Alla fine della manifestazione l’opera d’arte diventerà patrimonio comune della città.

     

    PROGRAMMA

    domenica 20 settembre, ore 17.00
    PRESENTAZIONE DEL PROGETTO

    da lunedì 21 a venerdì 25 settembre, dalle 10.00 alle 18.00
    LAVORI

    sabato 26 settembre, ore 17.00
    INAUGURAZIONE DELL’OPERA

    Elementi che si lasciano trasportare dal vento per attecchire nel parco di Villa Baragiola. Sono semi di un tarassaco che, allontanatosi dalla pianta madre, viaggiano nello spazio e nel tempo, propagando una visione del moto perpetuo del flusso vitale, pur nella loro natura effimera.

    Alludono a un principio di speranza, in cui la vita continua imperterrita ad accadere. E riportano anche a un gioco di dicotomie in cui contrapporre il movimento, a cui è tendenzialmente predisposto il mondo animale, all’adattamento a cui è incline il mondo vegetale.

    Il lavoro è pensato per dislocarsi in alcuni spazi del parco, con l’idea di creare un progetto diffuso, non sempre distinguibile nella sua interezza e che piuttosto lascia percepire al visitatore la sensazione di essere sempre all’interno dell’opera.

    Il progetto di curatela è affidato all’Associazione Culturale ILINX, che da anni sviluppa, organizza e gestisce il progetto Habitat_Scenari Possibili, in collaborazione con Regione Lombardia.

  • da sabato 19 a domenica 27 settembre 2020 - Parco di Villa Toeplitz  - Sant'Ambrogio, Via G.B. Vico n. 46

    Alberi 3.0

    sabato 19, domenica 20, sabato 26 e domenica 27 settembre: dalle 10.00 alle 18.00
    da lunedì 21 a venerdì 25 settembre: dalle 12.00 alle 20.00
    Format performativo digitale itinerante negli spazi verdi, ideato e costruito site-specific per il Festival del Paesaggio negli spazi naturali di Villa Toeplitz

    Evoluzione di Alberi Maestri, Alberi 3.0 è un format performativo digitale itinerante negli spazi verdi.

    La proposta sviluppa, in forma inedita e completamente site-specific, un viaggio sonoro immersivo nel paesaggio. Spunti poetici, narrazioni, suoni e musica accompagnano il pubblico in una passeggiata poetica, un attraversamento sensibile dei luoghi, offrendo momenti suggestivi di forte intimità tra lo spettatore e gli elementi naturali e antropici che lo circondano, e permettendo di riscoprire la bellezza nascosta in ciò che ci circonda e che, insieme a noi, ascolta e respira.
    Il format è totalmente automatizzato: attraverso il proprio smartphone (o altro device digitale) dotato di connessione internet, QR scanner e auricolari, lo spettatore potrà vivere l’esperienza in piena autonomia e in solitudine, seppur al fianco di tutti coloro con i quali vorrà condividere l’esperienza. È previsto anche l’ausilio di una mappa, digitale e cartacea, del percorso.

    Crediti

    Composizione nello spazio: Michele Losi
    Drammaturgia: Sofia Bolognini, Michele Losi
    Suoni: Luca Maria Baldini, Diego Dioguardi
    Produzione: Pleiadi, Campsirago Residenza in collaborazione con Bepart
    Note tecniche
    Durata: 60 min. circa

  • giovedì 24 settembre
  • 10:00 - Parco di Villa Baragiola  - Masnago, Via Caracciolo n. 46

    HABITAT_SCENARI POSSIBILI

    RESIDENZA D'ARTISTA

    da domenica 20 a sabato 26 settembre 2020

    Parco di Villa Baragiola
    in prossimità della Dacia
    Via Caracciolo, 46
    *in caso di maltempo Spazio Multifunzionale di Villa Baragiola piano terra

    NATURE URBANE 2020 apre una collaborazione con Habitat_Scenari Possibili, un progetto nato nel 2014 nella zona della Martesana che porta le arti contemporanee nei luoghi pubblici, nei parchi, nelle piazze e lungo i corsi d’acqua.
    Il festival offre un periodo di residenza di una settimana a un’artista visuale per la realizzazione di un’opera d’arte pubblica site-specific da produrre e installare all’interno del parco di Villa Baragiola.

    L’artista, scelta tramite bando di concorso nazionale da una commissione che ha coinvolto anche soggetti del territorio, è Livia Paola Di Chiara.
    Dal 21 al 25 settembre il pubblico può assistere al processo di creazione dell’artista, offrire spunti e suggestioni, e rendersi simbolicamente protagonista dell’atto trasformativo, facendo dell’arte visuale un’occasione di incontro, riflessione e presa di coscienza del valore dei luoghi.
    Alla fine della manifestazione l’opera d’arte diventerà patrimonio comune della città.

     

    PROGRAMMA

    domenica 20 settembre, ore 17.00
    PRESENTAZIONE DEL PROGETTO

    da lunedì 21 a venerdì 25 settembre, dalle 10.00 alle 18.00
    LAVORI

    sabato 26 settembre, ore 17.00
    INAUGURAZIONE DELL’OPERA

    Elementi che si lasciano trasportare dal vento per attecchire nel parco di Villa Baragiola. Sono semi di un tarassaco che, allontanatosi dalla pianta madre, viaggiano nello spazio e nel tempo, propagando una visione del moto perpetuo del flusso vitale, pur nella loro natura effimera.

    Alludono a un principio di speranza, in cui la vita continua imperterrita ad accadere. E riportano anche a un gioco di dicotomie in cui contrapporre il movimento, a cui è tendenzialmente predisposto il mondo animale, all’adattamento a cui è incline il mondo vegetale.

    Il lavoro è pensato per dislocarsi in alcuni spazi del parco, con l’idea di creare un progetto diffuso, non sempre distinguibile nella sua interezza e che piuttosto lascia percepire al visitatore la sensazione di essere sempre all’interno dell’opera.

    Il progetto di curatela è affidato all’Associazione Culturale ILINX, che da anni sviluppa, organizza e gestisce il progetto Habitat_Scenari Possibili, in collaborazione con Regione Lombardia.

  • da sabato 19 a domenica 27 settembre 2020 - Parco di Villa Toeplitz  - Sant'Ambrogio, Via G.B. Vico n. 46

    Alberi 3.0

    sabato 19, domenica 20, sabato 26 e domenica 27 settembre: dalle 10.00 alle 18.00
    da lunedì 21 a venerdì 25 settembre: dalle 12.00 alle 20.00
    Format performativo digitale itinerante negli spazi verdi, ideato e costruito site-specific per il Festival del Paesaggio negli spazi naturali di Villa Toeplitz

    Evoluzione di Alberi Maestri, Alberi 3.0 è un format performativo digitale itinerante negli spazi verdi.

    La proposta sviluppa, in forma inedita e completamente site-specific, un viaggio sonoro immersivo nel paesaggio. Spunti poetici, narrazioni, suoni e musica accompagnano il pubblico in una passeggiata poetica, un attraversamento sensibile dei luoghi, offrendo momenti suggestivi di forte intimità tra lo spettatore e gli elementi naturali e antropici che lo circondano, e permettendo di riscoprire la bellezza nascosta in ciò che ci circonda e che, insieme a noi, ascolta e respira.
    Il format è totalmente automatizzato: attraverso il proprio smartphone (o altro device digitale) dotato di connessione internet, QR scanner e auricolari, lo spettatore potrà vivere l’esperienza in piena autonomia e in solitudine, seppur al fianco di tutti coloro con i quali vorrà condividere l’esperienza. È previsto anche l’ausilio di una mappa, digitale e cartacea, del percorso.

    Crediti

    Composizione nello spazio: Michele Losi
    Drammaturgia: Sofia Bolognini, Michele Losi
    Suoni: Luca Maria Baldini, Diego Dioguardi
    Produzione: Pleiadi, Campsirago Residenza in collaborazione con Bepart
    Note tecniche
    Durata: 60 min. circa

  • venerdì 25 settembre
  • 10:00 - Parco di Villa Baragiola  - Masnago, Via Caracciolo n. 46

    HABITAT_SCENARI POSSIBILI

    RESIDENZA D'ARTISTA

    da domenica 20 a sabato 26 settembre 2020

    Parco di Villa Baragiola
    in prossimità della Dacia
    Via Caracciolo, 46
    *in caso di maltempo Spazio Multifunzionale di Villa Baragiola piano terra

    NATURE URBANE 2020 apre una collaborazione con Habitat_Scenari Possibili, un progetto nato nel 2014 nella zona della Martesana che porta le arti contemporanee nei luoghi pubblici, nei parchi, nelle piazze e lungo i corsi d’acqua.
    Il festival offre un periodo di residenza di una settimana a un’artista visuale per la realizzazione di un’opera d’arte pubblica site-specific da produrre e installare all’interno del parco di Villa Baragiola.

    L’artista, scelta tramite bando di concorso nazionale da una commissione che ha coinvolto anche soggetti del territorio, è Livia Paola Di Chiara.
    Dal 21 al 25 settembre il pubblico può assistere al processo di creazione dell’artista, offrire spunti e suggestioni, e rendersi simbolicamente protagonista dell’atto trasformativo, facendo dell’arte visuale un’occasione di incontro, riflessione e presa di coscienza del valore dei luoghi.
    Alla fine della manifestazione l’opera d’arte diventerà patrimonio comune della città.

     

    PROGRAMMA

    domenica 20 settembre, ore 17.00
    PRESENTAZIONE DEL PROGETTO

    da lunedì 21 a venerdì 25 settembre, dalle 10.00 alle 18.00
    LAVORI

    sabato 26 settembre, ore 17.00
    INAUGURAZIONE DELL’OPERA

    Elementi che si lasciano trasportare dal vento per attecchire nel parco di Villa Baragiola. Sono semi di un tarassaco che, allontanatosi dalla pianta madre, viaggiano nello spazio e nel tempo, propagando una visione del moto perpetuo del flusso vitale, pur nella loro natura effimera.

    Alludono a un principio di speranza, in cui la vita continua imperterrita ad accadere. E riportano anche a un gioco di dicotomie in cui contrapporre il movimento, a cui è tendenzialmente predisposto il mondo animale, all’adattamento a cui è incline il mondo vegetale.

    Il lavoro è pensato per dislocarsi in alcuni spazi del parco, con l’idea di creare un progetto diffuso, non sempre distinguibile nella sua interezza e che piuttosto lascia percepire al visitatore la sensazione di essere sempre all’interno dell’opera.

    Il progetto di curatela è affidato all’Associazione Culturale ILINX, che da anni sviluppa, organizza e gestisce il progetto Habitat_Scenari Possibili, in collaborazione con Regione Lombardia.

  • da sabato 19 a domenica 27 settembre 2020 - Parco di Villa Toeplitz  - Sant'Ambrogio, Via G.B. Vico n. 46

    Alberi 3.0

    sabato 19, domenica 20, sabato 26 e domenica 27 settembre: dalle 10.00 alle 18.00
    da lunedì 21 a venerdì 25 settembre: dalle 12.00 alle 20.00
    Format performativo digitale itinerante negli spazi verdi, ideato e costruito site-specific per il Festival del Paesaggio negli spazi naturali di Villa Toeplitz

    Evoluzione di Alberi Maestri, Alberi 3.0 è un format performativo digitale itinerante negli spazi verdi.

    La proposta sviluppa, in forma inedita e completamente site-specific, un viaggio sonoro immersivo nel paesaggio. Spunti poetici, narrazioni, suoni e musica accompagnano il pubblico in una passeggiata poetica, un attraversamento sensibile dei luoghi, offrendo momenti suggestivi di forte intimità tra lo spettatore e gli elementi naturali e antropici che lo circondano, e permettendo di riscoprire la bellezza nascosta in ciò che ci circonda e che, insieme a noi, ascolta e respira.
    Il format è totalmente automatizzato: attraverso il proprio smartphone (o altro device digitale) dotato di connessione internet, QR scanner e auricolari, lo spettatore potrà vivere l’esperienza in piena autonomia e in solitudine, seppur al fianco di tutti coloro con i quali vorrà condividere l’esperienza. È previsto anche l’ausilio di una mappa, digitale e cartacea, del percorso.

    Crediti

    Composizione nello spazio: Michele Losi
    Drammaturgia: Sofia Bolognini, Michele Losi
    Suoni: Luca Maria Baldini, Diego Dioguardi
    Produzione: Pleiadi, Campsirago Residenza in collaborazione con Bepart
    Note tecniche
    Durata: 60 min. circa

  • sabato 26 settembre
  • da sabato 19 a domenica 27 settembre 2020 - Parco di Villa Toeplitz  - Sant'Ambrogio, Via G.B. Vico n. 46

    Alberi 3.0

    sabato 19, domenica 20, sabato 26 e domenica 27 settembre: dalle 10.00 alle 18.00
    da lunedì 21 a venerdì 25 settembre: dalle 12.00 alle 20.00
    Format performativo digitale itinerante negli spazi verdi, ideato e costruito site-specific per il Festival del Paesaggio negli spazi naturali di Villa Toeplitz

    Evoluzione di Alberi Maestri, Alberi 3.0 è un format performativo digitale itinerante negli spazi verdi.

    La proposta sviluppa, in forma inedita e completamente site-specific, un viaggio sonoro immersivo nel paesaggio. Spunti poetici, narrazioni, suoni e musica accompagnano il pubblico in una passeggiata poetica, un attraversamento sensibile dei luoghi, offrendo momenti suggestivi di forte intimità tra lo spettatore e gli elementi naturali e antropici che lo circondano, e permettendo di riscoprire la bellezza nascosta in ciò che ci circonda e che, insieme a noi, ascolta e respira.
    Il format è totalmente automatizzato: attraverso il proprio smartphone (o altro device digitale) dotato di connessione internet, QR scanner e auricolari, lo spettatore potrà vivere l’esperienza in piena autonomia e in solitudine, seppur al fianco di tutti coloro con i quali vorrà condividere l’esperienza. È previsto anche l’ausilio di una mappa, digitale e cartacea, del percorso.

    Crediti

    Composizione nello spazio: Michele Losi
    Drammaturgia: Sofia Bolognini, Michele Losi
    Suoni: Luca Maria Baldini, Diego Dioguardi
    Produzione: Pleiadi, Campsirago Residenza in collaborazione con Bepart
    Note tecniche
    Durata: 60 min. circa

  • 17:00 - Parco di Villa Baragiola  - Masnago, Via Caracciolo n. 46

    HABITAT_SCENARI POSSIBILI

    RESIDENZA D'ARTISTA

    da domenica 20 a sabato 26 settembre 2020

    Parco di Villa Baragiola
    in prossimità della Dacia
    Via Caracciolo, 46
    *in caso di maltempo Spazio Multifunzionale di Villa Baragiola piano terra

    NATURE URBANE 2020 apre una collaborazione con Habitat_Scenari Possibili, un progetto nato nel 2014 nella zona della Martesana che porta le arti contemporanee nei luoghi pubblici, nei parchi, nelle piazze e lungo i corsi d’acqua.
    Il festival offre un periodo di residenza di una settimana a un’artista visuale per la realizzazione di un’opera d’arte pubblica site-specific da produrre e installare all’interno del parco di Villa Baragiola.

    L’artista, scelta tramite bando di concorso nazionale da una commissione che ha coinvolto anche soggetti del territorio, è Livia Paola Di Chiara.
    Dal 21 al 25 settembre il pubblico può assistere al processo di creazione dell’artista, offrire spunti e suggestioni, e rendersi simbolicamente protagonista dell’atto trasformativo, facendo dell’arte visuale un’occasione di incontro, riflessione e presa di coscienza del valore dei luoghi.
    Alla fine della manifestazione l’opera d’arte diventerà patrimonio comune della città.

     

    PROGRAMMA

    domenica 20 settembre, ore 17.00
    PRESENTAZIONE DEL PROGETTO

    da lunedì 21 a venerdì 25 settembre, dalle 10.00 alle 18.00
    LAVORI

    sabato 26 settembre, ore 17.00
    INAUGURAZIONE DELL’OPERA

    Elementi che si lasciano trasportare dal vento per attecchire nel parco di Villa Baragiola. Sono semi di un tarassaco che, allontanatosi dalla pianta madre, viaggiano nello spazio e nel tempo, propagando una visione del moto perpetuo del flusso vitale, pur nella loro natura effimera.

    Alludono a un principio di speranza, in cui la vita continua imperterrita ad accadere. E riportano anche a un gioco di dicotomie in cui contrapporre il movimento, a cui è tendenzialmente predisposto il mondo animale, all’adattamento a cui è incline il mondo vegetale.

    Il lavoro è pensato per dislocarsi in alcuni spazi del parco, con l’idea di creare un progetto diffuso, non sempre distinguibile nella sua interezza e che piuttosto lascia percepire al visitatore la sensazione di essere sempre all’interno dell’opera.

    Il progetto di curatela è affidato all’Associazione Culturale ILINX, che da anni sviluppa, organizza e gestisce il progetto Habitat_Scenari Possibili, in collaborazione con Regione Lombardia.

  • domenica 27 settembre
  • da sabato 19 a domenica 27 settembre 2020 - Parco di Villa Toeplitz  - Sant'Ambrogio, Via G.B. Vico n. 46

    Alberi 3.0

    sabato 19, domenica 20, sabato 26 e domenica 27 settembre: dalle 10.00 alle 18.00
    da lunedì 21 a venerdì 25 settembre: dalle 12.00 alle 20.00
    Format performativo digitale itinerante negli spazi verdi, ideato e costruito site-specific per il Festival del Paesaggio negli spazi naturali di Villa Toeplitz

    Evoluzione di Alberi Maestri, Alberi 3.0 è un format performativo digitale itinerante negli spazi verdi.

    La proposta sviluppa, in forma inedita e completamente site-specific, un viaggio sonoro immersivo nel paesaggio. Spunti poetici, narrazioni, suoni e musica accompagnano il pubblico in una passeggiata poetica, un attraversamento sensibile dei luoghi, offrendo momenti suggestivi di forte intimità tra lo spettatore e gli elementi naturali e antropici che lo circondano, e permettendo di riscoprire la bellezza nascosta in ciò che ci circonda e che, insieme a noi, ascolta e respira.
    Il format è totalmente automatizzato: attraverso il proprio smartphone (o altro device digitale) dotato di connessione internet, QR scanner e auricolari, lo spettatore potrà vivere l’esperienza in piena autonomia e in solitudine, seppur al fianco di tutti coloro con i quali vorrà condividere l’esperienza. È previsto anche l’ausilio di una mappa, digitale e cartacea, del percorso.

    Crediti

    Composizione nello spazio: Michele Losi
    Drammaturgia: Sofia Bolognini, Michele Losi
    Suoni: Luca Maria Baldini, Diego Dioguardi
    Produzione: Pleiadi, Campsirago Residenza in collaborazione con Bepart
    Note tecniche
    Durata: 60 min. circa

Questo sito utilizza i cookie per offrire l'esperienza web migliore possibile. Proseguendo e utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.